FANDOM


Da 'Geografia e natura nella valle di Kremlin' Modifica

del Sapiente Tokrov

Dai numerosi viaggi fatti in molti anni da diversi membri del 'Reparto per le Rilevazioni Geografiche e Naturalistiche del Settore Sapienti K', il mio 'Ufficio 22/S, Redazione Relazioni e Conclusioni' è chiamato a redarre il rapporto conclusivo annuale.

Secondo le ultime stime, la valle del Kremlin si estende per 50 leghe nel suo lato più lungo, e circa la metà in quello più corto. Il Kremlin e la Grande Città si trova circa a due terzi della sua lunghezza maggiore, e circa al centro della sua dimensione minore, sul grande fiume gelato Fimir che attraversa la valle in tutta la sua lunghezza. Il fiume Fimir nasce dalle catene montuose che circondano tutta la valle, la attraversa longitudinalmente e finisce per cadere nelle grandi grotte Narsta ai piedi delle montagne dal lato opposto della valle, le grotte nelle cui viscere le nostre genti trovarono rifugio nel secoli bui del disgelo. Numerosi altri corsi d'acqua minori scendono dalle montagne intorno e vanno a congiungersi con il Fimir, ma nessuno lo rivaleggia in quanto a lunghezza e dimensione.

Il resto della valle è pressoché pianeggiante o collinare, ed è caratterizzata dalla quasi totale presenza di neve tutto l'anno. Le temperature medie oscillano da -10 °C nella breve stagione del Sole a -40 °C durante la stagione del Freddo. La valle è percorsa quasi sempre dal vento che proviene dalle montagne da cui nasce il Fimir, che sono più alte di quelle all'estremo opposto della valle, e la spazza completamente. Negli ultimi anni si è assistito ad un lento ma progressivo aumento delle temperature, tanto che qualche prolungato periodo di tepore estivo ha permesso il disgelo di alcuni piccoli tratti di ruscelli assolati tanto da mostrare per alcune ore il soave scorrere dell'acqua corrente. In zone particolarmente calde si è anche assistito allo scioglimento della neve perenne tanto da permettere di intravedere la terra e la vegetazione che c'è sotto.

Il terreno della valle è per lo più coperto di licheni che vivono sotto la neve, e pochi sono gli arbusti che crescono sulla maggior parte del territorio. Essi sono per lo più sempreverdi di piccole dimensioni che non superano uno Sazen di altezza, sparsi qua è là, senza mai formare una vegetazione fitta, nei luoghi più assolati. Ai piedi delle montagne invece regnano gli alberi di abete Torvost, capaci di superare i 20 Sazen di altezza, che formano le grandi foreste che offrono riparo alla stragrande maggioranza di uccelli e piccoli mammiferi.

La fauna della valle di Kremlin è composta dai pesci che vivono nelle acque sotto il ghiaccio, mondo quasi inesplorato da questo Reparto, dai numerosi mammiferi che brucano i licheni scavando la neve o predano tali erbivori, o che si cibano degli aghi degli alberi che crescono numerosi alle pendici delle montagne, come fanno anche i numerosi uccelli che solcano i cieli gelati. Gli unici animali che popolano la grande valle gelata e non si rifugiano nelle foreste sono, a parte qualche sporadica volpe delle nevi o lepre bianca, le renne ed i grandi orsi. Questi ultimi sono ovviamente gli unici animali cui i Compagni devono prestare attenzione, soprattutto durante il periodo del Grande Sole, quando essi si sono appena risvegliati e cercano cibo per i cuccioli.

Le specie che costituiscono fonte di cibo per i Compagni sono di certo le renne, che il popolo di Kremlin addomestica dai tempi del Santo Skopilaj, ma anche le lepri bianche e le gazze azzurre. Buona parte dei pesci che abitano le acque sotto il ghiaccio sono commestibili, anche se alcuni di essi sono pericolosi. Molte bacche degli arbusti sono anche commestibili e di alto valore nutritivo, mentre i licheni che crescono in pianura sotto la neve sono certo commestibili ma di scarse capacità nutritive, oltre ad avere blandi effetti allucinogeni. Ricordiamo comunque che è fatto obbligo del Compagno che si procuri del cibo al di fuori delle Direttive S e Q del capitolo 3 del manuale VI di consegnare tutto ciò che viene pescato, cacciato o raccolto secondo il Paragrafo 5 I-III dello stesso manuale.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.